News

CAPPE CHIMICHE AD ESTRAZIONE
COME OTTIMIZZARE LE RISORSE ECONOMICHE NELLE ATTIVITA’ MANUTENTIVE AUMENTANDO IL LIVELLO DI SICUREZZA

  • Obiettivo

Evidenziare in forma sintetica alcuni aspetti importanti inerenti la scelta e l’utilizzo del DPC (cappa chimica ad estrazione) prendendo ad esempio, una manipolazione con una o più sostanze chimiche da eseguire all’interno dello stesso e, fornendo nel contempo, degli elementi di riflessione.

  • Premessa

Le cappe chimiche sono considerate lo strumento principale e più comune per la protezione sia dai rischi d’incendio e d’esplosioni causati da reazioni chimiche incontrollate, sia dal rischio legato alla tossicità delle sostanze chimiche manipolate sotto cappa. Possono quindi contenere o rimuovere una o più sostanze inquinanti o minimizzare le possibili influenze perturbanti.

  • Domanda

È possibile stabilire in modo univoco la reale capacità di contenimento di una cappa chimica avendo, come unici dati a disposizione, il valore medio della velocità sul frontale (Face Velocity) rilevata strumentalmente ed espressa in m/s ed il TLV della sostanza che si intende manipolare all’interno del DPC espresso in ppm o mg/mc?

  • Risposta

L’abbinamento Face Velocity – TLV in realtà non stabilisce in modo univoco la capacità di contenimento di una cappa chimica e pertanto la sua reale performance, in quanto presuppone che, ad una determinata velocità frontale sia associata una corrispondente sicurezza circa la capacità di trattenere e rimuovere sostanze inquinanti.

  • Nuovo Approccio

Da anni è in vigore la normativa EN 14175 parte 1….7 che fissa nuovi requisiti di sicurezza e prestazionali per tutte le nuove cappe chimiche immesse sul mercato comunitario.

Al fine di poter rispondere a dubbi e perplessità si consiglia, prima di “autorizzare” manipolazioni con una o più sostanze chimiche, di effettuare una valutazione del rischio precisa e puntuale che comprenda tra i dati oggettivi, l’esecuzione del test di contenimento sia inner che outer plane. Tale metodologia consente di avere evidenza e corrispondenza tra quanto richiesto dalle norme e/o leggi cogenti in materia e quanto messo in atto ai fini dell’eliminazione e/o riduzione al più basso valore tecnicamente possibile delle emissioni negli ambienti di lavoro (artt. 223 e 236 TUSL).

Per completezza di inforazioni si consiglia di scaricare l’intera news qui.

 

Richiesta informazioni sui SERVIZI






Richiesta informazioni sul NOLEGGIO






Richiesta informazioni sulla VENDITA






© 2019 Cami srl| P.IVA 07886561005 | Web: Dean&Vial